Pianifica una vacanza
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per organizzare la tua vacanza.
Noleggio barche Emilia Romagna - Sailogy

Noleggio barche Emilia Romagna

2 barche in quest'area

Scopri le migliori mete per il tuo viaggio in Emilia Romagna

È una regione dall’anima tipicamente contadina ma che vista dal mare ha anche un grande temperamento nautico: fare allora le vacanze in barca a vela in Emilia Romagna permette di godersi non solo il litorale e le sue bellezze balneari ma anche quel sentimento godereccio che si esprime in primo luogo nel cibo e poi anche nei tanti divertimenti serali e notturni. Con il noleggio di una barca a vela in Emilia Romagna allora si riesce a esplorare la mitica riviera romagnola il cui centro di gravità permanente è storicamente la città di Rimini. La quale, oltre che meta balneare notissima ha un’anima eterogenea, essendo ad esempio anche la terra natale di un genio artistico come Federico Fellini e, allo stesso tempo, un “tempio” della vita notturna “da discoteca”. Senza dimenticare nemmeno che sempre nella città natale del regista de “La dolce vita” sono anche tanti i monumenti storici e architettonici da ammirare: quelli della Ariminum Romana, come il Ponte di Tiberio, quelli medievali, come il Tempio Malatestiano, e quelli del periodo rinascimentale, come il Castel Sismondo. È chiaro insomma che fare le vacanze in barca a vela in Emilia Romagna e a Rimini in particolare, anche per chi non ama la musica techno, ci sono tantissime cose da fare, sulla terra e sul mare. Tra le tante cittadine balneari che punteggiano poi il litorale romagnolo tra Cattolica e Comacchio, una tra le più interessanti da visitare, dopo avere fatto un noleggio barche in Emilia Romagna, è quella di Cervia. Cittadina eterogenea, nella quale si trova anche un ampio e comodo marina turistico, è formata da diverse frazioni che si allungano sulla bassa costa: le più famose sono probabilmente quella di Milano Marittima, uno dei luoghi cult della vita mondana e notturna di tutta l’estate in Romagna, e quella di Pinarella, nella quale si trova una splendida pineta, meta quotidiana di quei turisti che oltre alla tintarella amano fare percorsi di trekking e mountain bike.

Nell’entroterra cittadino si visita poi la particolare Riserva Naturale delle Saline di Cervia, un complesso formato da più di dieci vasche per l'estrazione del sale marino che già era attivo in epoca etrusca e Romana. Realizzando allora il noleggio yacht in Emilia Romagna c’è un altro tratto di costa da non perdere, ovvero quella dei cosiddetti Lidi e che si apre davanti alla bellissima e monumentale Ravenna, la dove si trovano anche i particolari specchi d’acqua dolce, conosciuti col nome di Valli di Comacchio. Nati attorno al X secolo a causa dell’abbassamento del suolo della zona costiera, inizialmente le Valli erano riempite di acqua dolce, che proveniva dalle ricorrenti al- luvioni dei fiumi. A partire del XVI secolo però vennero progressivamente riempite dalle acque marine, le quali fornirono loro quell’aspetto selvaggio, che conservano oggi, di valli salmastre. Chi ama l’arte e la storia antica sopra ogni altra cosa, infine, dopo avere fatto un noleggio barche in Emilia Romagna, non dimentichi di organizzare una lunga sosta a terra per visitare con calma e a lungo i monumenti della splendida Ravenna. L’antica capitale, prima dell’impero Romano e poi dell’Esarcato bizantino ospita edifici unici al mondo, primo tra tutti la magnifica Basilica di Sant’Apollinare Nuovo. Fatta erigere da Teodorico nel 505 d.C., è riccamente decorata con meravigliosi e coloratissimi mosaici, unici in tutto il mondo. Altrettanto affascinante è anche il Mausoleo di Galla Placidia, edificio risalente alla prima metà del V secolo d.C., la cui cupola e il cui interno a croce latina ospitano anch’essi mosaici di incredibile bellezza. Non lontano da esso si trova poi la Basilica di San Vitale, chiesa consacrato nel 547 d.C. e decorata da altri unici mosaici bizantini. Con un noleggio barche in Emilia Romagna si può ancora restare nell’area costiera della bella Ravenna, ma più a nord, dove si trova il fascinoso arenile di Marina Romea. Lungo circa 2 chilometri è circondato alle spalle da una bella pineta e da alcune selvagge zone salmastre. Alla Foce del Po di Volano invece si trova una suggestiva spiaggia sabbiosa con sacche marine.

Infine, tra un tuffo in mare e l’altro, grazie a un noleggio barche in Emilia Romagna si deve andare alla scoperta della ricca e golosa cucina romagnola, anche se di norma essa usa pochi ingredienti di mare e il loro utilizzo non si estende oltre la zona costiera proprio di Rimini e Ravenna, dove uno dei piatti forti è il brodetto alla marinara, una ricca zuppa. Tra i primi sono i famosi passatelli, pasta che si prepara con pane grattugiato, formaggio parmigiano, uova, pepe e aromi. Gli strozzapreti (da non confondere con gli omonimi napoletani) sono ancora un altro tipo di pastasciutta che usa ingredienti semplici ma che richiede una discreta manualità per la sua lavorazione. Infine i mitici cappelletti, il più classico formato di pasta ripiena dell’Emilia, che sono preparati piegando quadrati o cerchi di pasta all’uovo. Ma, dopo un noleggio barche in Emilia Romagna, è assolutamente un must assaggiare quello che è il più tipico, famoso e goloso prodotto gastronomico della riviera, la piadina. Preparata con una sfoglia di farina di frumento, strutto, sale e acqua, viene poi tradizionalmente cotta su un piatto di terracotta, detto teglia, o anche teggia in dialetto romagnolo. Caratteristica soprattutto della zona dell’Appennino tra Forlì, Cesena e Rimini, la piadina si è poi diffusa anche nel ravennate e nel resto della riviera romagnola, fino a sconfinare persino nella vicina Repubblica di San Marino. Non in tutti questi posti la si prepara allo stesso modo però: la piadina forlivese, cesenate e ravennate, ad esempio, è più spessa, mentre nel riminese si cerca di stendere una pasta molto sottile.