Pianifica una vacanza
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per organizzare la tua vacanza.
Noleggio barche Formentera - Sailogy

Noleggio barche Formentera

1 barca in quest'area

Scopri le migliori mete per il tuo viaggio a Formentera

È la più piccola in assoluto dell’arcipelago delle Baleari ed è separata da appena dieci miglia di mare da Ibiza: fare le vacanze in barca a vela a Formentera allora vuol dire avere la possibilità di visitare con comodo entrambe le isole. Partendo naturalmente dalla stessa Formentera, isola che prende il nome dalla tradizionale coltivazione del frumento e quindi dal suo nome latino di Frumentaria. Il suo punto nevralgico per i marinai è l’ampia Cala Sabina, all’interno della quale si trova l'unico porto turistico a disposizione di chi voglia organizzare le sue vacanze in barca a vela a Formentera. In alternativa comunque imbarcazioni di piccole dimensioni possono trovare spazio nell’attigua baia semicircolare di S'Estany des Peix, mentre Playa Isletas, poco più di un miglio a nord, è adatta a quelle più grosse. Ormeggio davvero unico anche se un po’ più scomodo per raggiungere terra è invece quello davanti a Espalmador, l’isolotto posto più a nord.

Chi realizza il noleggio di una barca a vela a Formentera deve girare l’isola via mare ma anche via terra: per farlo è possibile con semplicità affittare un motorino o una bici che sono i mezzi perfetti per andare alla scoperta dell’interno. La più piccola e meridionale delle Baleari ha infatti una silhouette molto bassa e caratterizzata da solo due alture: il monte La Mola (alto 192 metri) a est e il promontorio di Cabo Berberia (di 107 metri) a sud ovest. Compiendo invece il periplo dell’isola in barca si nota come a Formentera sia possibile dar fondo per fare il bagno di fronte a praticamente tutte le spiagge che si incontrano, la maggior parte delle quali sono costituite da sabbia bianca. Chi volesse, dopo aver provveduto al noleggio di uno yacht a Formentera, poi in particolare passare la notte in rada, perso in questo panorama davvero caraibico, trova un buon ridosso a Cala Sahona insenatura posta sulla costa occidentale a nord di Punta Rasa. Si può così rivivere l’esperienza che per secoli facevano pirati barbari e saraceni: dopo la dominazione Romana, durante la quale era usata per la produzione di frumento, l’isola per centinaia di anni rimase disabitata e utilizzata come rifugio e base per le conquiste della più grande e ricca Ibiza proprio dai bucanieri.

Fatto comunque un noleggio barche a Formentera sono davvero tanti i punti splendidi da scoprire via mare: come ad esempio i due fari posti alle estremità sud est e sud ovest, dai quali la vista verso l’isola stessa e le altre Baleari è strepitosa. Per arrivare al faro di Cap de Berberia, quello a sud ovest, da terra invece si attraversa un bosco di pini marittimi nei pressi del quale ci sono dei resti Romani. Nei pressi dell’altro faro, quello de La Mola, si trova il paesino di Pilar de La Mola, dove ogni domenica si tiene un colorato mercato hippy. Poco oltre anche uno dei luoghi più famosi e fotografati: è il Molino de La Mola, costruito oltre 200 anni fa. Chi poi ha fatto un noleggio barche a Formentera e ama la vita notturna deve far rotta per forza a Es Pujol, spiaggia dove si concentrano bar, locali e birrerie. Meno animata ma più “romantica” è invece l’atmosfera che si scopre alla punta più a nord di Formentera, l’isoletta di Espalmador: è famosa soprattutto per la spiaggia di sabbia rosa che ospita.

E proprio le spiagge, che da molti sono considerate tra le più belle del Mediterraneo, in particolare per i colori della sabbia e del mare, sono uno dei motivi principali che spingono i diportisti a fare un noleggio barche a Formentera. Tra le più affascinanti c’è allora ad esempio quella di Calo des Mort, sul lato sud dell’isola: si trova in una caletta per pochi intimi che sembra quasi scavata dal mare, tanto è vero che per raggiungerla da terra bisogna addirittura calarsi con una fune; quindi è sempre poco frequentata. Platja de Ses Illetes, non lontana da Sant Francesc è invece frequentatissima, grazie alla sua sabbia bianca e all’acqua turchese. Cala Sahona, nell’omonima baia, ospita una bellissima spiaggia di sabbia rosa, oltre a regalare un panorama splendido sulle vicine belle rocce di punta Rasa. Dopo il noleggio di una barca a vela a Formentera si deve far rotta anche verso il lato sud dell’isola: qui si scopre Platja des Arenals che è una delle spiagge più ampie ma dove comunque l’acqua diventa presto profonda. Platja de Llevant, posta sul lato nord est è più tranquilla della vicina Platja des Pujols, ma non meno bella. Infine, proprio al centro del litorale meridionale si trova Playa Mitjorn: lunga 7 chilometri è famosa per i suoi bar pienissimi all’ora dell’aperitivo.

Spesso però chi realizza un noleggio barche a Formentera lo fa anche perché vuole scoprire le bellezze che si trovano sotto il mare dell’isola. I suoi fondali infatti hanno vinto in Spagna lo speciale Premio Nettuno, riservato al miglior sito di immersioni posto lungo le coste nazionali. Il primo sito che i sub visitano intorno all’isola è allora la cosiddetta “piattaforma: si tratta di una gigantesca struttura, posizionata sul fondale nel lembo di mare posto a nord est di Formentera, tra l’isola stessa e l’isolotto di Espardel, che in passato veniva utilizzata per allevare pesce. Le cause del suo affondamento ancora non sono conosciute ma, ora che si trova a 33 metri di profondità si è trasformata in un ecosistema davvero unico e imperdibile. Chi ha fatto un noleggio barche a Formentera e ama le immersioni poi non manca di tuffarsi davanti a Punta Pedrera, promontorio posto sul litorale occidentale e davanti al quale si trova il relitto di una barca affondata molti anni fa. Altri punti validi per le immersioni e frequentati da molti sub sono infine le Grotte di Punta Gavina, El Arco, Es Banc, Punta Rasa e La Mola, anche se il punto forse preferito da quasi tutti i sub è il mare che fronteggia la spiaggia de Ses Illetes.