Pianifica una vacanza
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per organizzare la tua vacanza.
Noleggio barche Istria - Sailogy

Noleggio barche Istria

290 barche in quest'area

Fare le vacanze in barca a vela in Istria vuol dire andare alla scoperta via mare della più estesa tra le penisole che si affacciano sul pur grande Adriatico e che offre agli appassionati di nautica circa 450 chilometri di coste frastagliate e spesso spettacolari, tra le quali si trovano numerosi marina ben attrezzati e innumerevoli baie nelle quali dar fondo. Senza contare il litorale: chi decide di trascorrere le sue vacanze in barca a vela in Istria, infatti, qui trova una linea costiera selvaggia e in parte tutelata anche da un parco nazionale, quello formato dalle 14 isolette che appartengono all’arcipelago delle Brijuni. Posizionate a meno di tre chilometri dalla costa istriana subito a nord ovest della città di Pula, queste isole sono caratterizzate dalla contemporanea presenza di una vegetazione mediterranea e subtropicale, da 150 specie diverse di uccelli e dalle vestigia di ville Romane e bizantine, oltre che dalle rovine di diverse fortezze e monasteri medievali.

Grazie al noleggio di uno yacht in Istria poi sono tante le località turistiche splendide da non perdere: come Porec, graziosa cittadina che è stata costruita su una penisola che si allunga verso l’Adriatico. Proprio sulle sue rive, già nel II secolo a.C. vi si trovava un castrum Romano, anche se i monumenti più pregiati sono quelli bizantini. Partendo per un giro nel suo centro storico si notano, innanzitutto, i resti delle possenti mura difensive veneziane, l’abbazia benedettina di San Cassiano risalente al 1100 e le case dall’architettura gotica che si affacciano su piazza Marafor. Ma da non perdere è soprattutto la Basilica Eufrasiana, capolavoro dell’architettura bizantina costruita nel 539 d.C. Con il noleggio di una barca a vela in Istria si può raggiungere anche Rovinj, storica cittadina costruita su due colline, la più alta delle quali, quella di Santa Eufemia, crea una piccola penisola che si getta in mare a ovest. Per tanti secoli vi ebbe sede una colonia filoveneziana dall’economia basata sulla pesca. Anche per questo il centro storico di Rovinj assomiglia a quelli dei piccoli porti liguri, con tante casette colorate strette tra loro e divise da viuzze e corti. La via principale, detta Grisia, è una scalinata che sale fino alla settecentesca chiesa di Santa Eufemia, che ospita anche il sarcofago della beata, risalente al VI secolo d.C.

Anche la più popolosa città della penisola, Pula, si raggiunge comodamente dopo un noleggio barche in Istria: da sempre è famosa per il grande Anfiteatro Romano che si trova appena fuori dal centro storico. Costruito nel I secolo d.C. resta ancora oggi a testimoniare quanto forte fosse la presenza Romana sul lato orientale dell’Adriatico. Della stessa origine poi sono anche la Porta Gemina, le mura difensive e lo slanciato Arco dei Sergii. Sulla collina che domina tutto il centro di Pula si erge poi il Castello, innalzato dai Veneziani nel 1632. Terminata la lunga linea costiera istriana, la navigazione porta poi a fare rotta all’interno del grande Golfo del Quarnaro, splendida area di mare nelle quali si trovano anche le magnifiche isole appartenenti all’omonimo arcipelago.

Così, grazie a un noleggio barche in Istria si può scoprire innanzitutto la maggiore città del Quarnaro, ovvero Rijeka: è una gradevole cittadina che unisce oggi due anime distinte: una moderna e commerciale e una antica e romantica. La prima si scopre nella parte più recente della città, quella affacciata sul mare e nella quale spiccano i palazzi ottocenteschi. Qui si apre la Riva, il viale ricco di negozi e uffici. Parallelo alle sue spalle si trova il Korzo, centro della vita sociale cittadina e arteria che conduce a scoprire i monumenti che richiamano la storia di Rijeka. Tra questi c’è la Torre Civica, medievale porta di accesso alla città. Effettuato allora un noleggio barche in Istria si arriva agevolmente a navigare tra le splendide isole dell’Arcipelago del Quarnaro. Tra queste da vedere per prima c’è Cres: è la seconda isola più grande tra le trentasei del gruppo ed è divisa dall’isola di Losinj da una canale scavato durante l’epoca Romana, alla quale è comunque unita dal ponte di Osor. Capoluogo dell’isola, posto in una vasta insenatura riparata, Cres è costituita da un’antica cittadella fortificata veneziana, ricca di scorci caratteristici. Sulla costa orientale di quest’ultima si trova il villaggio di Veli Losinj, caratterizzato dalla presenza di numerose ville ottocentesche circondate da grandi parchi che si affacciano sulla baia.

Dopo un noleggio barche in Istria si può quindi visitare l’isola di Krk: è la più estesa dell’Adriatico, anche se è collegata alla terraferma da un ardito ponte la cui campata maggiore, lunga oltre 650 metri, utilizza per appoggio l’isolotto di San Marco. Il borgo di Krk è il centro principale dell’isola: vi si scopre l’impronta della dominazione veneziana nelle torri. La più antica di queste, risalente al 1191 è accanto alla Cattedrale dell’Assunzione. Più a sud, in mezzo alla laguna di Punat, c’è l’isolotto che ospita il monastero francescano di Kosljun, la chiesa dell’Annunciazione del 1523 e un piccolo museo con icone, dipinti e antichi codici tra i quali una copia dell’Atlante di Tolomeo stampato a Venezia nel 1568. La deliziosa Rab, altra isola facilmente raggiungibile con un dopo un noleggio barche in Istria, ospita l’omonimo borgo costruito su un promontorio su cui svettano quattro campanili di altrettante chiese e conventi. Il più interessante, che risale al 1181, è quello della Cattedrale di Santa Maria Maggiore, dalla facciata in pietra bianca e rossa. Selvaggia e brulla è infine Pag, piuttosto spoglia di vegetazione a parte gli uliveti che circondano il borgo di Lun.