Pianifica una vacanza
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per organizzare la tua vacanza.
Noleggio barche Lefkas - Sailogy

Noleggio barche Lefkas

486 barche in quest'area

Fare le vacanze in barca a vela da Lefkas vuol dire essere in pole position per andare a visitare lo splendido arcipelago greco delle Isole Ionie: posto a circa 70 miglia dalla costa pugliese, comprende terre favolose come quelle di Corfù, Paxi, Antipaxi, Meganissi, Cefalonia, Itaca e Zante, più un’ampia manciata di isolette e scogli disabitati. Grazie allora al noleggio di uno yacht a Lefkas, isola che è posta proprio al centro del gruppo, è facile scoprire questo arcipelago dall’anima duplice. Le Ionie infatti sono innanzitutto un vero insieme omogeneo di terre unite da caratteristiche naturali uniche; inoltre non hanno niente da invidiare alle “sorelle”, molto più numerose, che punteggiano l’Egeo tra Atene e la Turchia. Cominciando le proprie vacanze in barca a vela da Lefkas quindi si scoprono tutte dal mare, iniziando dalla stessa isola che però in realtà oggi è un po’ meno “isolata”, essendo collegata alla regione continentale della Grecia settentrionale da una strada rialzata. Nonostante questo dettaglio “tecnico” facendo rotta in questa parte meridionale dello Ionio, magari proprio siccessivamente al noleggio di una barca a vela a Lefkas , è immediato rendersi conto che la pulizia e la bellezza di questo mare sono uniche. Tanto è vero che lo possono testimoniare delle abitanti speciali: sono la quarantina di foche monache, il mammifero più raro d’Europa, che vive proprio nell’arcipelago; mentre nel mare attorno a Zante, vive l’unica colonia europea di grandi tartarughe marine della specie caretta caretta. Da pochi anni infatti è fondato il Parco Marino Nazionale di Zante, proprio con lo scopo di proteggere le specie rare, oltre ai fondali delle isole.

Dopo aver realizzato però il proprio noleggio barche a Lefkas la prima cosa da fare è andare alla scoperta della stessa isola: montuosa dalla forma quasi rettangolare e ricca di boschi di conifere, affascina i turisti più attenti grazie alla sua atmosfera tradizionale che riporta indietro nel tempo di quasi un secolo chi vi sbarca in cerca di relax. L’omonimo capoluogo - che sorge nell’estrema parte nordorientale dell’isola davanti a una larga laguna salata e vicino al ponte che collega Lefkas alla terraferma - venne raso al suo da un potente terremoto nel 1948 ed è oggi una cittadina moderna e ricca di  verde. È fronteggiata a est dalla quattrocentesca Fortezza di Agia Mavra, rocca fondata addirittura al tempo delle Crociate, ma ricostruita prima dai Veneziani e poi dagli ottomani. Meno antico ma più affascinante è invece il monastero di Moni Faneromenis che si raggiunge inerpicandosi per tre chilometri su un colle che domina la cittadina e la laguna salata.

La parte centrale dell’isola è quella che ospita diverse vette che raggiungono i mille metri di altezza e alle pendici dei quali, in località Nidri, si ammirano delle suggestive cascate posizionate in fondo a una gola profonda e  scoscesa. Grazie poi a un noleggio barche a Lefkas è facile scoprire il fascino della più piccola Meganissi: posizionata appena a sudest della maggiore è un vero paradiso per i diportisti grazie alle tante profonde e affascinanti baie che ne caratterizzano la costa nord. Navigando intorno a Meganissi infatti si devono raggiungere assolutamente almeno le belle spiagge di Limonari e Ambelakia. Ancora più a sudest di Meganissi e a poca distanza dalla costa continentale della Grecia si raggiungono invece le piccole isole gemelle di Kalamos e Kastos: da vedere via mare in quanto vere enclavi di natura selvaggia e acque cristalline.

E dopo un noleggio barche a Lefkas non si può però non raggiungere Itaca, l’isola di Ulisse, ma non solo: qui infatti tante sono le bellezze che si ammirano sbarcando sulle sue scoscese e impressionanti coste. Prima di tutto quelle del suo capoluogo Vathi, villaggio pittoresco che si affaccia direttamente sul mare, al centro di una incredibile insenatura circolare, e nei cui vicoli ci si perde alla ricerca del mito del famoso guerriero greco tra souvenir e bicchierino di ouzo. Nella parte sud dell’isola c’è poi l’altrettanto mitica Sorgente di Aretusa, luogo descritto anche da Omero. Non lontano invece da Vathi si trovano la baia di Dexia, dove Ulisse sbarcò al termine del suo viaggio e la Grotta delle Ninfe. Infine nei pressi della costa nord da non perdere la chiesa di Agia Panagia con affreschi bizantini. Chi ha fatto un noleggio barche a Lefkas poi non può perdersi la visita a Cefalonia: è la più grande delle Isole Ionie e anche quella con più bellezze nascoste da scoprire. Attorno ai borghi un po’ turistici di Argostoli, Sami e Fiskardo infatti ci sono innumerevoli baiette riparate che meritano di essere raggiunte per un pomeriggio di tintarella e tuffi. Le più belle, e meno affollate, sono quelle di Myrtos, Antisamos, Makrys Gialos, Platys Gialos e Lourdata. Incantevoli anche le grotte di Melissani e quelle di Drogarati, ricche di laghi salati e stalattiti. Altri lidi da non perdere sono quelli che punteggiano la parte sudovest dell’isola, mentre è speciale anche la lunghissima spiaggia di Lourdata, circondata da fitta macchia mediterranea.

Infine, grazie a un noleggio barche a Lefkas, si può sbarcare sull’isola delle tartarughe. Questo il soprannome di Zante, la terra più meridionale dell’arcipelago e sulla quale sono tante le bellezze naturali da scoprire, dalla splendida “spiaggia del naufragio” alle cosiddette “grotte azzurre”, dalla protetta baia di Laganas alle deserte e selvagge insenature di Limnionas e Kambi. Nella cittadina capoluogo di Zacinto da vedere c’è pure il Kastro, rocca difensiva costruita dai Veneziani, e la bella chiesa di Dionysos. Sulla parte meridionale dell’isola di Zante si apre l’ampia - circa quattro  chilometri di estensione - Baia di Laganas, all’interno della quale si trovano le famose spiagge di Keri, Laganas e Kalamaki.