Alla scoperta della biodiversità nel ponente ligure

Alla scoperta della biodiversità nel ponente ligure

Conosciamo la realtà di Delfini del Ponente e il loro impegno con i delfini e non solo insieme a ricercatore e biologo Davide Ascheri

Incontriamo Delfini del Ponente, un'associazione che ha come obiettivo quello di individuare, mediante l'attività di ricerca scientifica, aree di importanza naturalistica  e favorire la loro protezione nell'area del ponente ligure. Ci aiuta in questo Davide, presidente di Delfini del Ponente, nonché ricercatore e biologo, che ci condivide quanto è stato fatto dall'associazione ad oggi e l'importanza di far conoscere l'incredibile biodiversità del ponente ligure e di preservarla! 

Ciao, Davide, parlaci un po' di te....

Ciao! Mi chiamo Davide e sono laureato in Biologia ed Ecologia Marina all’Università degli Studi di Genova. La passione per il mare ed i cetacei mi accompagna fin da quando ero piccolo e questo mi ha portato a svolgere diverse esperienze formative e lavorative sia in Italia che all’estero in questo campo della biologia marina. Una volta rientrato in Italia ho ideato insieme ad altri colleghi questo progetto che è partito ufficialmente nell’aprile del 2018. Prima portato avanti dalla cooperativa Costa Balenae e da febbraio 2020 portato avanti dall’associazione Delfini del Ponente APS di cui sono il presidente.

Davide e il team di ricercatori

Davide (destra) e il team di ricercatori

Il progetto è stato ideato per monitorare i delfini tursiopi nelle acque del ponente ligure, una specie che fino a qualche anno fa era considerata occasionale ma di cui negli ultimi anni si è osservato un notevole incremento in numero ed avvistamenti. Da ciò è nata l’idea di questo progetto di ricerca su base annuale in cui raccogliamo dati sulla presenza dei delfini e scattiamo principalmente foto alle loro pinne dorsali che, come le nostre impronte digitali, ci permettono così di foto-identificarli e seguirli nel tempo e nello spazio. Queste informazioni sono necessarie per poter attuare piani di conservazione e di protezione di questi animali che, per il loro habitat costiero, sono tra i cetacei più minacciati dalle attività umane (collisioni, catture in attrezzature da pesca, ingestione di plastica, ecc).

Quali risultati avete raggiunto finora con questo progetto? 

Dopo 3 anni di progetto abbiamo dimostrato che i tursiopi sono una presenza regolare anche in queste acque, durante tutte le stagioni. Alcuni individui sono residenti, ossia passano la maggior parte del loro tempo nel ponente ligure, mentre altri sono stati avvistati solo una o due volte, e ad indicare che sono in transito verso altre zone. Abbiamo catalogato, tramite fotografie, circa 130 animali con un’altissima percentuale di cuccioli e di giovani, dato importantissimo che dimostra come quest’area non sia utilizzata dai tursiopi solo per spostarsi o alimentarsi, ma pure per partorire e crescere i loro cuccioli. Al più presto i nostri primi risultati saranno accessibili sia alla comunità scientifica sia ai non addetti ai lavori.

Delfini del Ponente gruppo di monitoraggio

Il progetto Delfini del Ponente coinvolge anche stagisti di diverse nazionalità che trascorrono un periodo con voi ad Imperia partecipando alla ricerca - Di cosa si tratta? 

La nostra associazione organizza da marzo ad ottobre stage formativi di minimo un mese per massimo 2 – 3 persone. Di solito si tratta di studenti universitari o appena laureati che vogliono incrementare le loro conoscenze in questo ambito, sia sul campo, partecipando a tutte le attività di ricerca, sia in ufficio, dove partecipano ad una prima elaborazione dei dati al computer e dove seguono numerose lezioni sulla biologia ed ecologia dei cetacei, uccelli marini e tecniche di ricerca applicate in questo campo. 

Lavoro di analisi con l'associazione continua poi al computer

Cosa state facendo in particolare per aumentare la sensibilità del turista in merito alla tutela del delfino costiero? 

Se da una parte la principale attività che portiamo avanti è quella della ricerca scientifica, altrettanto importante per noi è condividere e trasmettere la nostra passione per ciò che facciamo attraverso eventi aperti a tutte le persone di educazione e sensibilizzazione ambientale, conferenze, congressi, mostre fotografiche e lezioni a scuola per i più piccoli. In queste occasioni abbiamo modo così non solo di far conoscere gli abitanti del Mar Ligure, ma anche di insegnare a rispettarli nel loro ambiente naturale. Organizziamo diverse attività tra cui lo snorkeling guidato, il birdwatching nonché eventi divulgativi e mostre fotografiche. Potrete scoprire tutte le nostre ultime iniziative sul nostro sito Delfini del Ponente qui.

Cosa può fare concretamente il turista che visita le vostre zone in relazione al vostro progetto e per preservare per la biodiversità del Santuario Pelagos?  

Gli avvistamenti di tursiopi sono comuni sia da mare sia da terra, magari durante passeggiate sul lungomare. In relazione al nostro progetto ogni persona può segnalarci eventuali avvistamenti e partecipare, così, attivamente alla ricerca permettendoci di aumentare il nostro database. Per quanto riguarda l’aspetto legato alla protezione della biodiversità di fondamentale importanza è tutta la parte che riguarda la riduzione dell’inquinamento in mare.. per fare solo un esempio, limitare l’utilizzo di plastica monouso (che in questi mesi di pandemia è notevolmente aumentato) che è ancora uno dei pericoli maggiori per tantissimi organismi marini.

Scopri di più su Delfini del Ponente sul loro sito delfinidelponente.it e aiutaci a preservare la biodiversità delle acque del ponente ligure! 

Delfini del Ponente logo