Mono-tasking vs Multi-tasking a bordo

Mono-tasking vs Multi-tasking a bordo

Cosa succede alla produttività quando eseguiamo molteplici task contemporaneamente?

Eseguire contemporaneamente più attività insieme è diventato ormai un requisito di molte posizioni lavorative, non è vero? In realtà à una caratteristica che spesso ci viene richiesta non solo nel mondo del lavoro. dall’essere genitore - mando quell’ultima mail mentre giochi con il trenino  sul tappeto -allo sport - quanti di noi controllano il cellulare, magari ordinano la spesa - mentre concludono la corsetta a fine giornata? 

Insomma il multi tasking è diventato un argomento estremamente attuale che ci coinvolge tutti da vicino. Ma si traduce davvero in un benessere psico-fisico?

Siamo veramente più produttivi? 

Le varie ricerche degli ultimi anni lo hanno dimostrato:  Il cervello umano (in entrambi i sessi!) è in grado di passare velocemente da un compito all’altro, ma non riesce a concentrarsi su due compiti simultaneamente, se non rallentando o peggiorando le prestazioni.

La vita a bordo della barca ci costringe - a nostro beneficio - a concentrarci su un attività per volta, al mono tasking. Un esempio: Non possiamo staccare lo sguardo dal timone se ci ‘distraiamo’ a guardare lo schermo, o guardare il nostro profilo Instagram mentre la barca è in movimento…

Le nostre distrazioni sono domate. Come spesso succede quando ci troviamo in natura, non siamo noi a controllare la situazione ma è la barca - e gli agenti meteoreologici - a dettare le regola del gioco qui. La barca allora ci permette di esercitare quell’abilità al monotasking, ci disintossica e porta ad un rinnovato benessere.  

Il contesto perfetto per esercitare monotasking

Quali sono i costi dello stress digitale?

1. Scarsa produttività

Il primo costo è che il multitasking ci da la percezione di ‘fare più cose’, di essere più produttivi ma in realtà, rallenta le prestazioni aumentando il tempo che ci mettiamo a concluderle. 

2. Propensione all’errore 

Il secondo costo da enfatizzare è che il multitasking porta le persone a commettere più errori. Questo è un passaggio abbastanza naturale. Più distratti più errori. 

3. Carico cognitivo 

Il terzo costo, riguarda il carico cognitivo. Se svolgiamo un’attività e contemporaneamente passiamo ad un’altra, si verifica un’interferenza chiamata residui di attenzione. Se per esempio stiamo chiaccherando con un amico e decidiamo di controllare il telefono vuol dire che anche se abbiamo il nostro smartphone in mano, una parte dell’attenzione è sul nostro amico, e quindi non potremo concentrarci interamente sulla nuova attività.

4. 40% di produttività in meno

Il quarto costo è un dato che interessa in particolar modo il mondo dei liberi professionisti o delle aziende. Gli studi apparsi sulla rivista scientifica di psicologia americana dicono che il multitasking riduce fino al 40% della produttività su base giornaliera incidendo all’incirca una perdita di 1 trilione di dollari di produttività ogni anno.

5. Livelli di stress più elevati 

Il quinto costo è molto importante da prendere in considerazione e riguarda la correlazione tra il multitasking e i livelli di stress e conseguente burnout. 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il burnout è la sindrome derivante da stress cronico associato al contesto lavorativo, dove tra le varie cause c’è sovraccarico di digitale. Il burnout colpisce circa 625 milioni di persone in tutto il mondo.

Guardiamo anche in faccia alla realtà. E’ anche vero che ci sono lavori che richiedono un minor carico di attenzione e che possono in effetti essere svolti contemporaneamente ad altri. Sì, è vero. 

Assolutamente. Ma è anche vero che la mente è come un muscolo e se allenata sempre al multitasking, nel lungo periodo porta ad un elevato consumo di energia mentale ed è facile sentirsi emotivamente e psicologicamente svuotati.

Cosa vi proponiamo?

Vi portereremo a sperimentare la barca come mai l'avete sperimentata prima insieme ad Alessio Carciofi - "mi occupo di trasformazione digitale dal 2008 e questo mi ha permesso di creare la prima metodologia su come vivere pienamente il digitale in maniera sostenibile. Organizzo retreat digital detox e adoro vedere il tramonto sul mare, leggere e scrivere libri.

L'idea di Digital Wellbeing nasce da una necessità, quasi primordiale direi, di disconnetterci dalla tecnologia.

Alessio in posizione meditativa in barca nei pressi della Costiera Amalfitana

Alessio in posizione meditativa in barca nei pressi della Costiera Amalfitana

La barca sarà la vostra casa galleggiante per alcuni giorni: l’ambiente ideale per quest’esperienza

Imbarcherete insieme a Scarlino e la mattina seguente partirete per l'Isola d'Elba. Tra le attività ci saranno meditazioni guidate al tramonto, cene silenziose, master class con Alessio su come vivere una vita più sana e felice con la tecnologia.

Il check-in sarà alle 17 di sabato 7 maggio partendo da Scarlino. Il ritorno in base sarà il mercoledì sera per poi sbarcare il giovedì mattina.

Vediamo più nel dettaglio cos’è incluso nella quota:

  • Check-in: sabato 7 maggio 2022
  • Check-out: giovedì 12 maggio 2022

L'ultimo giorno per prenotare il tuo posto in barca sarà il 30.04.2022

.

.