Quanto costa una vacanza in barca a vela?

Quanto costa una vacanza in barca a vela?

Questa è la vera domanda che si fanno tutti quando si parla di barca. Bello il vento tra i capelli e i tuffi al tramonto, ma chissà quanto costa!?

Una vacanza in barca a vela può essere inaspettatamente conveniente anche paragonata ad altri tipi di vacanza, apparentemente meno costosi. Per accorgersene è sufficiente passare dal considerare il costo del noleggio della barca al costo complessivo della vacanza.

È tenendo sotto controllo il costo complessivo della vacanza che raggiungeremo il traguardo di fare una vacanza al contempo esclusiva e conveniente. La barca non è l’unica voce di spesa, ma se opereremo le giuste scelte al suo costo non dovremo aggiungere poi molto.

L’arma segreta delle vacanze in barca a vela, infatti, è il fatto che questa è allo stesso tempo il posto dove dormiremo e molto altro.

Quanto costa una vacanza in barca a vela? 

La barca non è soltanto il nostro alloggio

La nostra barca è dotata di una cucina più che domestica: questo ci permette se lo desideriamo di cucinare noi stessi i nostri pasti al solo costo degli ingredienti che potremo comprare tutti in una volta in un supermercato con sole piccole aggiunte di prodotti freschi nel corso della vacanza.

Spesso in vacanza si ha la necessità di un mezzo di trasporto, qui sarà la barca stessa ad assolvere questa funzione, portandoci da una suggestiva caletta a una maestosa scogliera esattamente nel momento in cui lo desideriamo e senza tutti i fastidi legati al dover cercare parcheggio in una località affollata: semplicemente gettiamo l’ancora e ci tuffiamo in acqua.

Inoltre in una vacanza in barca il divertimento è sempre con noi e siamo lontani da tutte quelle dispendiose tentazioni che offre una località turistica, soprattutto snack: colazioni, gelati, birre, panini, aperitivi. Naturalmente questo non vieta che possiamo allestirne (o farcene allestire) di sontuosi a bordo, in un contesto sicuramente più esclusivo e con solo il mare e il tramonto intorno a noi.

Tramonto e tuffo in barca

Divertimenti e passatempi, in vacanza è naturale spendere qualcosa per qualche svago: in barca ci siamo sopra 24/7 e che divertimento, non abbiamo bisogno di nient’altro!

Quanto costa affittare una barca?

Spesso le persone hanno la convinzione che una vacanza in barca sia una vacanza estremamente costosa. In realtà non è per forza così: con alcune accortezze può invece  rivelarsi un ottimo modo per fare delle vacanze (inaspettatamente) low cost sia in Italia che all’estero.

Per far si che sia effettivamente così è importante affidarsi a dei consulenti di viaggio competenti ed essere un po’ flessibili: modificando periodo e località si riescono a spendere anche 50€ a testa al giorno.

Non è possibile fissare un prezzo di riferimento: ci sono barche per tutte le tasche e inoltre i prezzi come è possibile vedere qui possono variare sensibilmente anche a seconda del periodo.

Come contenere i costi

Per esperienza ci sono tre aspetti che sono in grado di far deragliare il budget di qualsiasi vacanza in barca:

  • Gli alcolici

  • Le cene fuori

  • I porti di partenza 

Vediamoli più nello specifico 

Gli alcolici 

Gli alcolici spesso le persone associano una vacanza in barca a vino e liquori, non c’è niente di male in un buon calice di vino in pozzetto al tramonto, ma una cambusa di etichette di pregio può far colare a picco il budget della nostra vacanza!

Le cene fuori

L’estate è un’ottima occasione per scoprire degli invitanti ristorantini all’aperto: la cultura gastronomica del luogo è anche un ottimo modo per conoscere meglio le tradizioni locali del posto che stiamo visitando ma, se abbiamo deciso di fare una vacanza con un’attenzione al controllo dei costi rischiamo di allontanarci dal nostro obiettivo.

Se l’attenzione ai costi è un aspetto che non ci riguarda non dimentichiamoci tuttavia che i ristoranti implicano generalmente una sosta in marina o comunque di rimanere in un'area antropizzata, precludendoci per una notte l’esperienza della rada selvaggia tutta per noi che non ha prezzo ed è il motivo che spinge sempre più persone a scegliere la barca a vela per le proprie vacanze...

Amici che pranzano insieme a bordo

Corollario della cambusa sprecata: se decidiamo di andare a mangiare fuori all’ultimo momento può capitare di sprecare del cibo che avevamo a bordo, acquistato in previsione di mangiare in barca.

I porti di partenza non scelti con cura

Spesso, magari per inseguire una barca lievemente più economica, si sceglie di partire da una località non ben collegata, che implica diversi trasbordi per essere raggiunta, magari oltre al volo, un tratto in taxi, un traghetto... Oppure una località non raggiunta da collegamenti quotidiani che ci obbliga a notti in albergo e pasti al ristorante non previsti né desiderati.

Sotto questo aspetto i consulenti di viaggio di Sailogy, con la loro esperienza, sapranno consigliarvi al meglio le barche dai porti di partenza più adatti per contenere al massimo il costo complessivo della vacanza.

Viaggiare in auto o altro?  

Cerchiamo una località comodamente collegata da un unico volo, magari di una compagnia low cost oppure da un treno, ma se la composizione del nostro equipaggio lo consente non trascuriamo neanche l’opzione di raggiungerla in auto. Il costo complessivo di un viaggio con una o due auto spesso è inferiore a quello di quattro, sei, otto biglietti per la stessa tratta e ci permette di essere molto più flessibili.

Tutti i marina sono organizzati con soluzioni di parcheggio convenienti e sicure per la nostra auto.

Senza dimenticare che avere la macchina con noi è una gran comodità per quanto riguarda il trasporto del bagaglio ed un’eventuale spesa.

I costi  accessori 

Come abbiamo illustrato, la barca è moltissime cose allo stesso momento: investiamoci quindi, perché il suo valore si riverbererà in una molteplicità di ambiti. Quando scegliamo la barca non limitiamoci a considerarne il costo, facendoci magari attrarre da una con un prezzo particolarmente allettante, valutiamo anche i costi accessori che la scelta di una barca in quella specifica località necessariamente implica.

Considerando il costo complessivo della vacanza potrebbe non essere così conveniente.

Stagione vs Destinazione   

Se vogliamo avere molto con poco è necessario distinguersi ed essere smart. Orientiamoci ad esempio verso una scelta diversa da una barca in Italia nelle settimane centrali di agosto. Considerando anche le barche disponibili in altre bellissime destinazioni, come la Grecia o la Croazia e indirizzandoci verso un periodo di media stagione, avremo più scelta, prezzi più competitivi, sia della barca che dei collegamenti per raggiungerla, calette e porti tutti per noi e se abbiamo scelto di partire verso la fine dell’estate/inizio dell’autunno, un mare ancora più caldo!

Krka National Park in autunno

Parco Nazionale di Krka in Croazia in autunno 

Questo post è stato scritto da Francesco. Francesco ha incontrato la vela in Liguria 20 anni fa. Specialista di flotta in Sailogy, la sua imbarcazione preferita é il Dufour 310 Grand Large. 

Francesco Gambini