Traversata Atlantica. Siete pronti?

Traversata Atlantica. Siete pronti?

Come prepararsi per la traversata oceanica con un pro della barca: Incontriamo Omero Moretti

Aprile è la stagione in cui le barche provenienti dai Caraibi iniziano a fare rotta verso il Mediterraneo, affrontando la traversata atlantica ovest-est, la traversata più impegnativa ed esigente, che solo pochi velisti amatoriali decidono di affrontare.

Oggi incontriamo Omero Moretti, skipper da 35 anni, sia per passione che per lavoro, e che ad oggi ha intrapreso una traversata atlantica ben 39 volte.

Rotta atlantica Mediterraneo - Caraibi

Come prepararsi per la traversata in barca con un pro della barca, da ovest a est

Omero, parlaci un po' della tua esperienza di traversata atlantica verso est...

Beh, è senza dubbio più dura, più impegnativa e più tecnica della traversata atlantica verso i Caraibi, eppure è quella che mi riporta a casa e quella che mi permette di apprezzare al massimo la forza e il carattere della barca. Ecco perché è sempre stata la mia traversata preferita.

Di solito seguo la rotta della traversata di ritorno: questa mi porta molto a nord, intorno ai 34°- 38°. A queste latitudini, l'oceano comincia ad essere impegnativo, ma è lì che bisogna trovare le circolazioni occidentali che possono darti un buon vento per navigare verso est. Più a sud, siamo ancora nell'aliseo, ma invece di averlo a nostro favore, come è in media durante il viaggio di andata, è contrario. E navigare di bolina nell'oceano, con un'onda di tre metri quando il tempo è buono, non è molto piacevole.  

Murales Freya Omero  Moretti

Molti seguono una rotta più a sud, partendo un po' più tardi e facendo scorta di gasolio. Ma a parte il vento, mi piace anche andare a nord per fermarmi alle Azzorre, isole belle e remote dove un soggiorno di qualche giorno è piacevole e utile. C'è sempre qualcosa da riparare o da mettere a punto prima di affrontare l'ultima tappa verso Gibilterra. 

Puoi dirci più in generale come ci si può preparare al meglio per una traversata atlantica?

Ci sono due cose che dico spesso a chi mi chiede come prepararsi per una traversata atlantica in barca a vela. La prima è che la traversata dell'Atlantico, al giorno d'oggi, è un piacere che molte più persone possono realizzare di quanto si possa pensare. La seconda cosa è che sono gli uomini ad attraversare l'oceano, non le barche.

Cosa intendi esattamente? 

Il fatto che attraversare l'oceano a vela oggi è più gestibile rispetto anche solo a qualche decennio fa è un'affermazione banale. GPS, satelliti e attrezzature di ogni tipo rendono la navigazione accessibile anche ai marinai più inesperti. Non c'è bisogno di andare troppo indietro nel tempo, basta pensare ai miei primi anni di navigazione: Non avevo un GPS a bordo, non era diffuso per le barche da diporto, e i GPS commerciali erano proibitivi per me. Facevo tutto con un sestante, un libro di astronomia e la radio (che usavo per chiamare le navi che incontravo sulla strada per avere conferma della loro posizione stimata). Anche scaricare le carte meteorologiche richiedeva molto tempo e non sempre aveva successo, con i fax meteo che dipendevano dalla propagazione.

Omero ed il suo  equipaggio sulla rotta verso le Azzorre

Omero ed il suo  equipaggio sulla rotta verso le Azzorre

Oggi ho tre GPS a bordo, connessioni internet e satellitari per scaricare il meteo (anche se uso ancora la radio per il mio piacere), e generalmente uso il sestante solo per dare lezioni all'equipaggio più volenteroso.

Detto questo, alcuni aspetti non sono affatto cambiati nel tempo. 
Il primo - e il motivo per cui dico che sono gli uomini ad attraversare, e non le barche - è che salpare con 3.000 miglia davanti a sé significa ancora dirigersi verso l'ignoto, anche se quell'ignoto è stato completamente mappato e coperto da segnali satellitari. 

Avremo previsioni meteo solo per qualche giorno, e poi dovremo prendere quello che viene. L'assistenza da terra è generalmente disponibile solo per poche centinaia di miglia, e poi dovrete cavarvela da soli, qualunque cosa accada. In effetti, ora avete il lusso di accedere a strumenti e mezzi per comunicare e sentirvi meno soli. Tuttavia, alla fine solo tu puoi prendere la decisione necessaria per la tua barca e l'equipaggio con cui stai navigando.

Come ci si prepara a questa "navigazione verso l'ignoto"?

Nel corso degli anni, nelle mie 39 traversate atlantiche, insegnare alle persone a lasciare il molo con consapevolezza è stata la parte più cruciale del mio lavoro. Parlo molto di questi aspetti anche nel mio libro Il mestiere del mare, pubblicato da Il Frangente. Scusate la pubblicità, ma sono davvero argomenti che richiederebbero molte pagine!

Diciamo che la consapevolezza e un po' di esperienza in mare sono i requisiti fondamentali per chi vuole affrontare una traversata con la propria barca. Poi possiamo parlare di come prepararsi e di come preparare la barca. Scrivere di come prepararsi, per me, è già impegnativo. C'è una cosa che ho imparato in 35 anni di mare: Ci sono troppe variabili per poter dire in buona coscienza: "ecco come ci si deve preparare per...". Quindi prendete le mie indicazioni come linee guida lungo le quali potete muovervi con la vostra esperienza e capacità. 

Mi spiego meglio. Al giorno d'oggi, con i prototipi in carbonio di 70 piedi con i foil, si può fare un 50 ruggente: ma nessuno di noi è un atleta abile come uno dei velisti del Vendee Globe, né abbiamo quel tipo di organizzazione alle spalle. Quindi, come prima considerazione, direi che bisogna saper gestire la propria barca, dalle manovre alle riparazioni: è inutile parlare di un'ottima teoria se non si sarà mai in grado di applicarla. Questo è il modo migliore per non partire mai. 

"Dico spesso che una traversata atlantica dovrebbe essere la fine di un viaggio, non il punto di partenza".

Ci sono dei controlli tecnici essenziali?

Credo che i controlli tecnici essenziali siano quelli che riguardano le parti più utilizzate: l'albero e il sartiame, la pala del timone, lo strallo e le prese a mare. Anche le drizze sono soggette a molte sollecitazioni durante i lunghi viaggi, spesso alla stessa velocità, quindi è fondamentale controllarle, cambiarle se necessario e sicuramente prepararne una già passata nell'albero nel caso si rompa. 

Questo mi ricorda uno dei miei motti preferiti: due di tutto. Qualcosa che l'oceano mi ha insegnato e che porto con me dopo innumerevoli rotture. L'ultima che mi ha dato filo da torcere è stata la rottura di uno dei due stralli durante una traversata atlantica di ritorno. Eravamo lontani mille miglia da tutto, ma per fortuna anche Freya, la mia barca, ha due stralli.

Navigazione atlantica con cattivo tempo

Se non navighi da solo, dedica un po' di tempo a preparare il tuo equipaggio. Navigate prima insieme. Imparate a conoscervi e assicuratevi che i ruoli siano il più chiari possibile. Una volta che si è in mezzo al mare, c'è uno e un solo capitano, ci deve essere disciplina, ed è una questione di sicurezza che sia così. 

Questo è ancora più evidente in una traversata da ovest a est, dove la barca può incontrare sfide ancora più significative, e spesso anche il tuo equipaggio. Quando navigo nell'Atlantico del Nord, rinforzo gli oblò con plexiglass dall'esterno, e stivaggio l'ancora e la catena in sentina per bilanciare meglio i pesi. In breve, ci vuole tecnica e non si può improvvisare.

Tramonto sull'oceano

Tramonto sull'oceano

Quanta esperienza in mare serve per intraprendere una traversata atlantica?

Dico spesso che una traversata atlantica dovrebbe essere la fine di un viaggio, non il punto di partenza. So che al giorno d'oggi, con tutto che sembra più accessibile e comodo e con tanti video che spesso mostrano solo una parte della storia, molte persone si avvicinano a questa esperienza senza aver navigato almeno un po' prima. 

Attraversare l'Atlantico non solo può essere pericoloso, ma se non si è interiorizzato cosa significa navigare davvero il mare, si rischia di vivere una mezza traversata con l'ansia di perdere il volo quando si arriva, o peggio, di annoiarsi, invece di godersi il viaggio.


Se siete interessati a saperne di più su Omero e i suoi viaggi, navigate sul suo account Instagram @omeromoretti o visitate il suo sito omeromorettivela.it

Buon vento!