Pianifica una vacanza
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per organizzare la tua vacanza.
Ormeggiare nel Golfo di Napoli - Sailogy

Ormeggiare nel Golfo di Napoli

Il Golfo di Napoli offre molte alternative a chi desidera noleggiare una barca a vela nella zona con il pittoresco Arcipelago Campano

Napoli è la più grande città di mare italiana, ricca di storia e di luoghi interessanti, e Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO dal 1995. Una delle sue caratteristiche è il clima molto mite che si riflette sullo stato d'animo dei napoletani: un popolo famoso per la sua allegria e gentilezza. In città sicuramente meritano una visita il Duomo e Museo di San Gennaro, il napoletano per eccellenza. Una visita d'obbligo è la passeggiata nei famosi quartieri spagnoli, un dedalo di vicoli e stradine strette dove palazzi e chiese si fondono spesso senza riuscire a percepirne la differenza. Una zona dove i panni ‘spasi’ fanno da cornice al quartiere che quindi si colora in un quadro da cartolina. Un luogo certamente molto suggestivo dove potrete anche assaporare dell’ottima cucina napoletana. 

Non lontano dal porto troverete Maschio Angioino o Castel Nuovo, un imponente forte posizionato a guardia della città in epoca angioina. Il nome comunemente usato dai napoletano è Maschio Angioino perché il mastio (in fiorentino) era tra tutte le 5 torri la più alta e grande, spesso usata dal Re, da qui la storpiatura maschio perché abitata dal re angioino. 

Veduta aerea dell'isola di Procida in una splendida giornata di sole sull'Arcipelago Campano

La Navigazione a Napoli 

Tornando alla navigazione, Napoli offre molte alternative a chi desidera noleggiare una barca a vela nella zona. La base di Napoli è perfetta per chi vuole raggiungere l’Arcipelago Campano, con Ischia e Procida che distano appena 12 e 15 Nm verso ovest, così come Capri e la penisola di Sorrento verso sud; l'intero Golfo di Napoli inoltre è un'ottima area di navigazione anche solo per un weekend. 

Navigare spesso è una questione di tempo, quindi a meno che non stiate disputando una gara, fare una vacanza di due settimane è la scelta migliore per visitare questa zona: potete scegliere di andare a nord verso Ventotene (40 Nm) e Ponza (60 Nm), una perla del Mediterraneo, oppure a sud verso l'Arcipelago delle Eolie (150 Nm) con una sosta nel Parco Naturale del Cilento, un'area incontaminata leggermente a sud di Salerno, dove è difficile trovare ressa anche ad agosto. Per quanto riguarda i venti occorre prestare attenzione al terzo e al quarto quadrante, ma in particolare al terzo che si rafforza tra la Sardegna e la Sicilia, diventando particolarmente forte e burrascoso.

Dal punto di vista meteorologico il vantaggio di questa regione è che questi venti compaiono in maniera evidente sulle mappe già 4 o 5 giorni prima del loro arrivo, consentendo a naviganti di trovare un riparo sicuro".

Baia vicino a Lacco Ameno sull'isola di Ischia

Botta e risposta con Mario 

Mario, capo base di Dream Yacht Charter al porto di Napoli, lavora nel settore da più di vent’anni e in questo botta e risposta ci presenta la base di Napoli,  le isole e baie che meritano di essere visitate se decidete di veleggiare nell'Arcipelago Campano. 

"La base di Napoli si trova a cavallo del Golfo di Napoli e il Golfo di Pozzuoli, da qui è molto facile raggiungere l’Arcipelago Campano: le isole Flegree con Ischia e Procida, Capri e le isole Pontine a otto ore dalla nostra base. Da qui è molto facile vedere una grande varietà di posti, baie e calette in queste zone, perfette da vivere in barca.

Il catamarano è la barca più adatta per navigare in questa zona, proprio perché permette di raggiungere facilmente tante baie ed insenature."

Per menzionarne solo alcune: "Marina Piccola ai Faraglioni a Capri, Sant'Angelo ad Ischia e Nerano dove c’è il famosissimo ristorante Maria Grazia dove hanno inventato la famosa pasta e zucchine alla Nerano, dove consiglio sempre di andare a mangiare. Palmarola un’isola disabitata attaccata a Ponza, circa dodici ore di navigazione dalla base di Napoli - Sicuramente un paradiso terrestre.

"Ischia vicinissima alla nostra base, ricca di parchi termali, baie. La stessa Procida che è circa 35 min di navigazione dalla nostra base, si trova Marina Corricella, un borgo di pescatori dove ci sono diversi ristoranti da non perdere - dove hanno anche girato il film oscar Il Postino.”

Il fascino dell'isola delle terme

Ischia è famosa in tutto il mondo per le sue terme e i Giardini Poseidon, che si trovano alla fine della Baia di Citara meritano sicuramente una visita. Ad Ischia troverete molto piacevole fermarvi a San Francesco dove troverete una deliziosa gamma di ristorantini sul mare con una cucina di pesce di ottima qualità, ma anche cucina di terra, infatti una delle pietanze della gastronomia locale è proprio il coniglio all’ischitana spesso proposta in varianti personalizzate dai diversi ristoranti del posto. Merita sicuramente Ischia Ponte. 

Il parco termale dei Giardini di Poseidon ad Ischia durante la stagione estiva

Una tappa a Nerano per i famosi spaghetti...

Nerano è una stupenda località balneare tra la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana. Nota non solo per la bellezza delle spiagge e dei ristoranti caratteristici che affacciano tutti sul mare, ma anche per un piatto tipico del territorio, da cui ha preso il nome, divenuto famoso in tutto il mondo, che incuriosisce perché viene realizzato con una ricetta conservata ancora gelosamente dai cuochi del posto, si tratta naturalmente degli Spaghetti alla Nerano.

Le ricette sono tante ed anche diverse e chi cerca di carpire il segreto durante la realizzazione di questo piatto, si perde inevitabilmente qualche passaggio fondamentale che il cuoco riesce a nascondere. Quali tipi di formaggio ci vogliono per questa ricetta? E’ vero che c’è chi aggiunge l’uovo e chi invece la ritiene un’eresia? State tranquilli che non lo sapremo mai, apparentemente un piatto molto semplice eppure manca sempre un qualche ingrediente e il piatto inevitabilmente non verrà mai buono come quando lo si gusta proprio a Nerano. 

Spaghetti alla Nerano (Photo By Enzo Rippa)

Articoli correlati